Carisma

Siamo religiosi. La vita consacrata è un carisma che offre al battezzato la possibilità di una più intima esperienza di Dio. In tale prospettiva il religioso segue Cristo più da vicino e si lascia guidare dal santo Vangelo come regola di vita.

Siamo francescani. Per noi S. Francesco di Assisi è maestro e modello. Illuminato dall’ascolto del Vangelo nel 1208, Francesco inizia l’itineranza apostolica ed evangelizza il popolo cristiano, esortando tutti a seguire fedelmente gli insegnamenti della Chiesa. Molta gente, toccata dalla viva testimonianza e dalla fervente parola di Francesco, desidera seguirlo e vivere come lui la piena fedeltà a Cristo.

Origine. Francesco accoglie tutti come dono di Dio. Molti uomini e donne si ispirano a Francesco rimanendo “nel secolo”, cioè in famiglia e continuando la propria attività. Nasce così il Terzo Ordine di S. Francesco, detto anche «Ordine Francescano della penitenza». Siamo nell’autunno del 1211.

Terzo Ordine Regolare. Fin dai tempi delle origini, alcuni Terziari manifestano il desiderio di maggiore impegno verso la perfezione cristiana e le attività caritative. Cominciano a vivere in comunità sia in eremitaggi per concentrarsi nella preghiera e nella contemplazione, sia in “domus” per gestire opere di misericordia: ospedali per malati e anziani, ospizi gratuiti per pellegrini, accoglienza di orfani e trovatelle. Curano centri per l’educazione dei ragazzi e dei giovani, animano servizi pastorali: la predicazione, la confessione, l’insegnamento, l’apostolato parrocchiale, le pubblicazioni. Più tardi prenderà vita l’impegno missionario. L’apostolato principale è quello di vivere con generosità il dono della vita consacrata in fraternità secondo lo stile del Poverello di Assisi. La preghiera scandisce i ritmi della giornata.

Fondazione. Quando e da chi è stato fondato il Terzo Ordine Regolare? A questa domanda, che molti si pongono, possiamo ora rispondere con chiarezza: come le altre Famiglie francescane antiche, anche il Terzo Ordine Regolare (TOR) ha origine dallo stesso S. Francesco d’Assisi fin dal 1211 e si sviluppa secondo molteplici circostanze storiche. Nell’ambito del movimento dei Penitenti che sorgono dietro alla predicazione itinerante di S. Francesco d’Assisi, con data ufficiale nel 1211 e prima regola nel 1221 (Memoriale propositi). Centralizzazione delle numerose fraternità nell’anno 1447 (bolla Pastoralis officii di Niccolò V, 20 luglio). Questa data segna l’inizio giuridico dell’Ente.

Spiritualità. La spiritualità tradizionale dei Terziari regolari si può sintetizzare in questo binomio teorico-pratico: realizzare, con coraggio e fede, un percorso di crescente conversione al Dio Vivente, pienezza di bene; compiere le opere di misericordia con creatività secondo l’appello dei luoghi e dei tempi. L’amore totale verso Dio in Cristo ci stimola ad abbracciare i lebbrosi di oggi, a servire i poveri, a lenire le sofferenze del prossimo.

Sempre e ovunque rendiamo grazie al Signore Dio onnipotente,
dal quale provengono tutti i beni.

(S. Francesco)

X