• :

Pellegrinaggio nel segno di S. Corrado Confalonieri, penitente francescano

In occasione del V anniversario della Beatificazione di Corrado Confalonieri, eremita del Terzo Ordine di San Francesco d’Assisi, i fedeli della città e diocesi di Noto (SR), sabato 13 febbraio, hanno effettuato un pellegrinaggio a Roma, nella Basilica dei Ss. Cosma e Damiano, dove sono raffigurate due antiche icone di S. Corrado.

Nel pomeriggio i pellegrini si sono recati nella Chiesa di S. Maria Odigitria dei Siciliani a Via del Tritone per inaugurare una grande tela raffigurante S. Corrado eremita.

La nutrita rappresentanza dei devoti netini era guidata dal vescovo di Noto S. Ecc. Mons. Antonio Staglianò e dal sindaco della città dott. Corrado Bonfanti. Erano presenti il dott. Salvatore Maiore, organizzatore; Don Ignazio Petriglieri, vicario episcopale per la cultura; i due presidenti dei Portatori di S. Corrado e dei Cilii. Anzitutto un momento di preghiera nello spirito del «Giubileo della misericordia».

I pellegrini sono stati accolti nella Basilica dei Ss. Cosma e Damiano dal rev.mo ministro generale del Terzo Ordine Regolare di S. Francesco P. Nicholas Polichnowski, mentre il p. Lino Temperini ha presentato l’illustrazione storico-artistica del complesso architettonico dei Santi Cosma e Damiano, insediato nella “Bibliotheca pacis” del 73-74 d.C.

Il vescovo Mons. Staglianò e il sindaco dott. Bonfanti hanno rivolto parole di circostanza ai presenti e hanno ringraziato i Frati del Terzo Ordine Regolare che officiano da oltre cinque secoli l’insigne Basilica, conservata nella forma migliore.

Infine ha avuto luogo lo scambio di ricordi attinenti alla Basilica dei Ss. Cosma e Damiano e alla città di Noto. Il P. Nicholas, ministro generale, ha offerto alcuni studi sull’Ordine e la Basilica. Il vescovo Mons. Staglianò ha donato un ampio volume in patinata, da lui stesso redatto, sulla «Cattedrale di Noto», restaurata dopo il terremoto nel 1996. Un volume splendido per le bellissime fotografie, per il testo chiaro e vivace; ottima l’impaginazione.

Il canto festoso dell’inno ufficiale di S. Corrado, sostenuto dall’organo, ha concluso la visita dei pellegrini alla gloriosa Basilica, ricca di storia e di messaggi spirituali.

X